Ostetricia e ginecologia

Gli esami in gravidanza (1)

Articolo a cura del Prof. Dandolo Gramellini, ginecologo

La gravidanza è generalmente definita come “condizione fisiologica”, ma nella vita di una donna poche diagnosi sono importanti come quella relativa ad una futura maternità.  È pertanto esperienza comune che tempestivamente la paziente si affidi al medico, spesso ginecologo,  per definire le condizioni cliniche, gli eventuali fattori di rischio e le indagini da eseguire all’inizio e nel corso della gestazione.

Senza addentrarci nello specifico, è importante ricordare che diversi esami laboratoristici ed alcune prestazioni specialistiche sono previsti, in esenzione di ticket, dall’allegato B della legge 10.09.1998, G.U. n. 245 del 20.10.1998 (Decreto Bindi), elenco che è ancora valido ed adottato su tutto il territorio italiano.

All’inizio della gravidanza, possibilmente entro la 13° settimana e comunque al primo controllo:
– EMOCROMO completo
– GRUPPO SANGUIGNO ABO,Rh (D), se non eseguito in funzione preconcezionale
– AST (GOT) e ALT (GPT)
– VIRUS ROSOLIA ANTICORPI: se IgG negative, ripetere entro la 17ma settimana
– TOXOPLASMA ANTICORPI (E.I.A.): se IgG negative ripetere ogni 30-40 gg. fino al parto
– TPHA: se non eseguite in funzione preconcezionale esteso al partner
– VDRL [RPR]: se non eseguite in funzione preconcezionale esteso al partner
– HIV 1-2, ANTICORPI
– GLUCOSIO
– ES. URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
– ECOGRAFIA OSTETRICA
– TEST DI COOMBS INDIRETTO: in caso di donne Rh negativo a rischio di immunizzazione il test deve essere ripetuto ogni mese; in caso di incompatibilita’ AB0, il test deve essere ripetuto alla 34°-36° settimana.

 

Tra la 14ma e la 18ma settimana:

– ES. URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
Tra la 19ma e la 23ma settimana:
– ES. URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
– ECOGRAFIA OSTETRICA

 

Tra la 24ma e la 27ma settimana:
– GLUCOSIO [S/P/U/dU/La]
– ES. URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO

 

Tra la 28ma e la 32ma settimana:
– EMOCROMO COMPLETO
– FERRITINA: in caso di riduzione del volume globulare medio
– ES. URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
– ECOGRAFIA OSTETRICA

 

Tra la 33ma e la 37ma settimana:
– VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg
– VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI
– EMOCROMO COMPLETO
– ES: URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
– HIV 1-2 ANTICORPI in caso di rischio anamnestico
Tra la 38ma e la 40ma settimana:
– ES. URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
Dalla 41ma settimana:

-ECOGRAFIA OSTETRICA: su specifica richiesta dello specialista
– CARDIOTOCOGRAFIA:su specifica richiesta dello specialista; se necessario, monitorare fino al parto.

Va subito sottolineato che l’elenco costituisce il “pacchetto” di prestazioni in esenzione di ticket e non vuole di certo limitare a questi gli esami proponibili alla paziente, ma piuttosto definire il “minimo” garantito dalla legge senza peso economico per la gravida. È evidente che ogni medico, in relazione alle diverse situazioni di salute, al limite della fisiologia o decisamente patologiche, che possono caratterizzare ogni gravidanza, consiglierà gli approfondimenti diagnostici più opportuni indipendentemente dall’elenco di cui sopra.

Quindi anche nel corso della gravidanza fisiologica, cioè non complicata da alcuna patologia, può essere opportuno modificare e/o implementare le indagine previste dal decreto Bindi. A tale proposito, nel settembre 2010 con successivo aggiornamento al novembre 2011,  sono state pubblicate dal Ministero della Salute in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e con il Centro per la Valutazione dell’Efficacia dell’Assistenza Sanitaria (CEVEAS),  le Linee Guida per la gravidanza fisiologica, dettagliato e prezioso documento dedicato non solo ai medici ma anche agli amministratori sanitari ai fini di migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e numerose raccomandazioni, sintesi delle migliori conoscenze disponibili, contenute nelle Linee Guida.

Share: