Vivere bene

Lavarsi le mani: il primo passo verso la prevenzione delle malattie

Anche se non possiamo vederli a occhio nudo, i microbi sono tutt’intorno a noi: si calcola che infatti per ciascuna delle nostre cellule ve ne siano ben dieci di microorganismi, presenti soprattutto a livello di epidermide e visceri.

Mentre la flora batterica che vive in simbiosi con l’organismo è indispensabile per lo svolgimento di funzioni essenziali come ad esempio la digestione, serie minacce sono costituite dai microbi e dai virus patogeni che possono venire in contatto con le mucose attraverso le mani sporche.

Ad essere caratterizzati da una elevata carica batterica sono sostegni di autobus, tastiere di computer, schermi touchscreen, ma anche monetine, maniglie di porte e menu di locali, e l’elenco potrebbe andare avanti ancora a lungo.
Tra le più comuni malattie contraibili proprio a causa di questa contaminazione batterica vi sono raffreddore e sindromi influenzali, ma nei casi più gravi le minacce prendono l’inquietante forma di epatite A, toxoplasmosi o tifo.

In che modo difendersi?

La risposta è data da un gesto tanto semplice quanto spesso trascurato: lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone, ricordando di strofinarsele con cura per almeno una quarantina di secondi. L’acqua deve essere calda, e il detergente preferibilmente liquido, perché più igienico rispetto alle saponette: dopo un accurato risciacquo, è bene asciugarsi con salviettine monouso o un asciugamani elettrico. Qualora non fosse a disposizione una toilette, tornano poi utili le soluzioni igienizzanti “da viaggio” da strofinare sulle mani asciutte.

È importante prendersi cura della pulizia delle mani dopo aver toccato qualsiasi genere di superficie sporca o situata in luoghi affollati, e qualora si fossero manipolati alimenti crudi come carne o pesce. Rimane inoltre buona norma effettuare un lavaggio accurato prima di dedicarsi alla preparazione e al consumo dei cibi, ma anche quando ci si deve occupare di pratiche sanitarie come ad esempio la somministrazione di farmaci, la medicazione di una ferita o il maneggiamento delle lenti a contatto.

Share: