Cardiologia

Perchè rivolgersi al Cardiologo?

Abbiamo già parlato di “Ogni quanto effettuare una Visita Cardiologica” in passato (Leggi qui). Oggi invece parliamo della cardiologia.
La cardiologia è una branca della medicina che si occupa dello studio, della diagnosi e della cura (farmacologica e/o invasiva) delle malattie cardiovascolari acquisite o congenite. Il medico specializzato in questo è il cardiologo.

Al Poliambulatorio Dalla Rosa Prati i servizi di cardiologia sono all’avanguardia e disponibili in breve tempo.

Quando recarsi dal cardiologo?

Come si considerano di routine l’esame del sangue, il controllo dal dentista e la visita ginecologica, il consulto cardiologico si chiede spesso a sintomatologia già conclamata.

Fortunatamente il fisico invia spesso segnali che qualcosa non va con il cuore.

  • Problemi di erezione:possono essere il primo avviso dell’esistenza di un problema cardiaco (per generare un’erezione, ci deve essere un buon flusso sanguigno);
  • Dolore al petto: una sensazione di oppressione intensa che si mantiene nello stesso luogo (generalmente al centro) con una durata maggiore di un minuto magari a seguito di uno sforzo fisico, dovrebbe indurre a prendere un appuntamento per un parere da esperto;
  • Stanchezza e fatica senza motivo apparente: la mancanza di resistenza effettuando minimi sforzi fisici può anche denotare un problema cardiaco;
  • Frequenti capogiri:è normale che accadano quando ci si alza bruscamente ma quando sentiamo capogiri con una certa frequenza, magari con senso di disorientamento e svenimento, è molto importante fissare un controllo medico;
  • Se si soffre didiabete, ipertensione o colesterolo elevato, specie dopo i 40’anni;
  • Se uno dei familiari diretti ha subito un infartoprima dei 50 anni;
  • Donne che stanno entrando in menopausa, perché da questo momento il rischio di patologie cardiache aumenta;
  • Se si è obesi o particolarmente sedentari;
  • Se si soffre di alcolismo;
  • Se entrambe le caviglie si infiammanosenza causa apparente;
  • Se si soffre di affaticamento ingiustificato.

 

Come si svolge la visita cardiologica?

Come sempre, si inizia con l’anamnesi del paziente e della sua famiglia.

Poi si procederà con l’esame obiettivo tramite: auscultazione con stetoscopio, palpazione, percussione, ecc…

Eventualmente, si proseguirà con un elettrocardiogramma che andrà a registrare i potenziali elettrici del cuore i quali saranno interpretati dal medico.

Al termine della visita, potrà essere formulata una diagnosi o potranno essere prescritti ulteriori accertamenti per confermare un’ipotesi o rivelare sintomi non rilevabili durante la visita.

 

Share: