Dermatologia

Psoriasi, come riconoscerla e come curarla.

Il termine psoriasi significa letteralmente scabbia o sensazione di prurito. Si tratta di una infiammazione cronica della pelle (né contagiosa né infettiva) solitamente causata dall’interazione di fattori auto immunitari, genetici ed ambientali.

La malattia si presenta cronica e non curabile: traumi, infezioni, assunzioni di alcuni particolari farmaci, stress, consumo di alcol e nicotina, obesità e cambiamenti di stagione possono fare sì che, anche soggetti adulti che non immaginavano di soffrirne, la vedano improvvisamente conclamarsi.

 

LA PSORIASI PALMO-PLANTARE

La psoriasi palmo plantare coinvolge il palmo delle mani e la pianta dei piedi e si manifesta con: vesciche, piccoli tagli, ispessimento e desquamazione della cute. Può colpire l’intera superficie delle mani e dei piedi oppure localizzarsi a chiazze.

 

LA PSORIASI UNGUEALE

Spesso le psoriasi ungueali vengono trattate con sufficienza e confuse con infezioni fungine. La tipologia di psoriasi che va a colpire l’unghia si differenzia se a carico dell’unghia esterna (letto ungueale) o se a carico dello strato più interno che va a produrre l’unghia stessa (matrice ungueale).

E’ caratterizzata da diverse sintomatologie che possono essere presenti singolarmente oppure concomitati:

  • comparsa di piccole depressioni a forma di cupola
  • comparsa di solcature trasversali
  • sfaldamento o scollamento dello strato più esterno dell’unghia
  • unghia rugosa come se trattata con carta vetrata
  • comparsa di uno più chiazze di colore bianco
  • ispessimenti squamosi di colore bianco giallastro
  • comparsa di striature rosso porpora
  • comparsa di macchie simil-macchia d’olio color salmone

 

Ovviamente, ognuno di questi sintomi presi singolarmente può essere la conseguenza di semplici traumi e semplici alterazioni non dovuti necessariamente alla presenza di psoriasi. E’ sempre consigliabile la visita presso un esperto dermatologo

 

TERAPIE CASALINGHE

Un sano e regolare stile di vita, come sempre, aiuta, se non la guarigione, il rallentare della degenerazione.

La dieta consigliata prevede:

  • evitare bevande e cibi fermentati così come lieviti raffinati (birra, formaggi, prodotti da forno cosiddetti “bianchi”, ecc…)
  • evitare zuccheri industriali
  • evitare cibi insaccati
  • evitare carni rosse e speziate
  • fare, invece, il pieno di fibre e fermenti lattici probiotici (frutta e verdura crudi, legumi, ecc…)
  • preferire il pesce alla carne in quanto ricco di omega 3
  • preferire cereali integrali a quelli raffinati
  • arricchire la dieta con integratori a base di acidi grassi di olio di pesce

 

Alcuni accorgimenti:

  • non tenere mani e piedi troppo ammollo in acqua e sapone
  • un bagno quotidiano aiuta ad eliminare le scaglie di pelle secca e la sensazione di prurito. Meglio se con soluzioni in farina d’avena (reperibili tranquillamente in ogni farmacia)
  • possibilmente, utilizzare acqua tiepida (mai troppo calda) e saponi che contengano oli vegetali molto delicati
  • la pelle va asciugata immediatamente dopo il bagno e, subito, va applicata una crema idratante all’aloe vera
  • la stessa crema idratante va applicata anche la sera prima di coricarsi e le zone colpite da psoriasi andrebbero fasciate in modo da favorirne l’assorbimento
  • utilizzare guanti e calzetti solo ed esclusivamente di cotone bianco. Il cotone, infatti, ha un alto potere traspirante ed evita il ristagnarsi dell’umidità che potrebbe causare sovrainfezioni da parte di funghi; il colore bianco, inoltre, è quello che, in assoluto, dà minori problemi di sensibilizzazione
  • controllare la sudorazione
  • mantenere l’equilibrio idro-lipidico della pelle bevendo molta acqua ed utilizzando le creme idratanti di cui sopra
  • il sole, in dosi ragionevoli, aiuta l’affievolirsi della malattia
  • infezioni, lesioni della pelle, stress e fumo fanno, di contro, peggiorare il decorso di questa degenerazione e, così, l’eccessiva esposizione ai raggi solari
  • cercare di evitare l’applicazione di unghie artificiali ma
  • non mancare di effettuare regolarmente manicure e pedicure: lo stress nel vedere le cause fisiche del problema diminuirà ed il prendersi cura di sé stessi è, di per se, un calmante naturale

 

TERAPIA MEDICA

Normalmente è basata su:

  • corticosteroidi analoghi della vitamina D rallentano la produzione cellulare. Agiranno sia sulle cellule delle mani, dei piedi e delle unghie sia sul sistema immunitario
  • farmaci ad uso topico deputati alla regolarizzazione dell’attività del DNA cellulare
  • pomate leviganti
  • farmaci retinoidi(utilizzati anche per la cura dell’acne)
  • nei casi molto gravi si può fare ricorso a ciclosporine che hanno il compito di sopprimere il sistema immunitario. Devono essere utilizzate in maniera controllata in quanto sistema immunitario stesso deve, comunque, continuare a far fronte agli agenti patogeni esterni
  • in ultimo, esistono farmaci immunomodulatori iniettabili che vanno proprio a regolarizzare la risposta immunitaria
Share: