Dermatologia

Dalla ricerca dermatologica al moderno trattamento delle malattie della cute (4)

A cura del Dott. Giuseppe De Panfilis, Direttore Clinica Dermatologica Università di Parma

Progressi in cosmetologia

La cosmetologia come scienza è una delle branche della moderna dermatologia. Oggi i benefici obiettivi richiesti a un trattamento cosmetico possono essere qualificati scientificamente utilizzando diverse scale della qualità di vita: il fine che ci si propone è quello della riscoperta del benessere, nonché quello di affermare la propria autostima. I trattamenti cosmetologici possono essere rivolti a persone normali, non affette da malattie cutanee, ma ancor più, forse sorprendentemente, ai pazienti affetti da diverse malattie della pelle.

Non insisteremo, in questa sede, nella descrizione dei numerosi trattamenti cosmetologici oggi disponibili a beneficio delle persone non affette da patologie dermatologiche. È bene precisare, tuttavia, che è stato dimostrato che tali trattamenti, se eseguiti in casi opportunamente individuati e attraverso modalità scientificamente riconosciute, riescono a determinare tre tipi di vantaggi:

  • uno sensoriale, con benefici per vista, olfatto e senso tattile;
  • uno psicologico, emotività, ansia, depressione;
  • uno sociale, rapporti con l’ambiente familiare e con quello professionale, relazioni sociali con amici ed estranei.

Diverse malattie cutanee, d’altra parte, provocano alterazioni dell’aspetto della persona nei riguardi del mondo esterno. Le dermatosi più studiate a questo riguardo, che hanno peraltro mostrato miglioramenti in seguito a trattamenti cosmetologici, sono la vitiligine, le iperpigmentazioni cutanee, la rosacea, la dermatite atopica e, forse sorprendentemente, i tumori cutanei. In particolare, le donne vittime di peggioramento dell’aspetto estetico, provocato dal tumore stesso ovvero dalle cure medesime effettuate per il trattamento del tumore, hanno spesso mostrato un forte miglioramento psicologico nonchè una vera e propria riscoperta della loro femminilità in seguito non soltanto all’uso di parrucche e alla pratica di massaggi, ma anche a semplici maquillage, cure del viso, manicure e pedicure. In maniera ancora più interessante, i benefici psicologici conseguenti all’applicazione di trattamenti cosmetologici si sono perfino associati a un miglioramento di alcuni parametri biologici, quali diminuzione del tasso di cortisolo e diminuzione del tasso di prolattina, entrambe significative; parallelamente, venivano registrati un aumento della sensazione di tranquillità e perfino una significativa riduzione del bisogno di stare a letto.

Conclusioni

Le malattie cutanee sono numerose e spesso riflettono situazioni patologiche sistemiche. D’altra parte, la cute si presta in maniera ottimale allo studio e all’applicazione di moderne terapie, quali terapie con cellule staminali, terapie geniche, fototerapie di varia natura, ecc. Per la maggioranza delle malattie cutanee tali moderne terapie vanno sempre più praticate, oggi e ancor più in futuro, con modalità sempre più specifiche: il trattamento delle malattie cutanee, in altri termini, dovrà sempre più essere individualizzato. Oggi è fortemente auspicabile che, con lo sviluppo delle moderne tecnologie e, in particolare, con l’acquisizione di dettagli sempre maggiori sulle alterazioni genomiche, si sviluppino, in un prossimo futuro, per numerose malattie dermatologiche una serie di promettenti terapie, sempre più personalizzate.

Share: