Visite specialistiche

Vista, la salute degli occhi inizia da bambini

Glasses 2Per garantire un regolare sviluppo della vista nel bambino è importante che l’occhio risulti normali, ossia che non presenti né particolari patologie, né difetti visivi, come la miopia, l’astigmatismo, l’ipermetropia, …
Per questo motivo, è fondamentale risolvere qualsivoglia problema oculare il prima possibile, fin dai primi mesi di vita.

Ma quali sono i difetti della vista più comuni tra i bambini? Si tratta per la maggior parte di strabismo, ambliopia (il cosiddetto “occhio pigro”) e i vizi di rifrazione, quali miopia, ipermetropia e astigmatismo.

Entro il primo anno di età è importante sottoporre il bambino ad una prima visita oculistica, oltre che a successivi controlli periodici nel corso dei primi 5-6 anni, anche se il bimbo non presenta alcun sospetto di problema alla vista.
Queste visite sono fondamentali perché il corretto sviluppo del sistema visivo, che si completa nei mesi successivi alla nascita, è determinato dal fatto che il cervello riceva immagine nitide da entrambi gli occhi. Una visione non perfetta può infatti compromettere lo sviluppo visivo e psicomotorio del bambino.

Ma chi sono i soggetti maggiormente a rischio?
Nel caso di malattie oculari che presentano un carattere di ereditarietà, come lo strabismo, la cataratta congenita o la retinite pigmentosa, il bimbo può essere predisposto a problemi di vista.
Allo stesso modo, alcune malattie infettive contratte dalla mamma durante la gravidanza, così come le malattie perinatali, possono predisporre il bambino a problemi agli occhi.

Per individuare eventuali problemi di vista nel bambino, è importante inoltre che i genitori osservino con attenzione determinati particolari. È importante ad esempio verificare che gli occhi siano in asse, che il bimbo non strizzi le palpebre per vedere da lontano, oppure che non assuma posture anomale durante la lettura o altre attività.
Allo stesso modo, se il bambino soffre di mal di testa frequente o ha un’eccessiva lacrimazione, accompagnate da una secrezione abbondante, è importante farlo visitare immediatamente da un oculista.

Infine, è importante non trascurare l’igiene, assicurandosi ad esempio che il bambino non si tocchi gli occhi dopo aver giocato con animali.

Per maggiori informazioni, è disponibile il dossier “Proteggi gli occhi del tuo bambino” a cura del Ministero della Salute.

Share: